Sostenitori

Campagna 2017, un saluto del Direttore dello scavo

E’ certamente vero che “chi si loda si imbroda”. Tuttavia, dopo la chiusura del cantiere – un momento autunnale sempre un po’ malinconico -, avvenuta quasi due mesi fa, mentre raccolgo senza particolare merito l’eredità genialoide di Valentino Nizzo, non riesco a non ringraziare tutti per quanto stiamo facendo insieme.

Innanzitutto la comunità di Pilastri e Bondeno, con il Sindaco Fabio Bergamini, l’ex Sindaco e ora Consigliere Regionale Alan Fabbri, da sempre nostro sostenitore, e Paolo Canella (Area servizi alla cittadinanza-ASC) con il quale abbiamo combattuto l’assalto cartaceo necessario a chiedere all’ultimo photofinish la concessione dello scavo. Grazie, al proposito, anche a tutti i colleghi della Soprintendenza archeologica e del Polo Museale – soprattutto al Dirigente Luigi Malnati, e a Chiara Guarnieri e Paola Desantis per il loro continuo e accorto aiuto. Quasi superfluo menzionare quanto dobbiamo a Stefano Tassi e Daniele Biancardi – è sempre un grande ed esclusivo piacere incontrarvi e lavorare insieme, anche se essendo quasi vegetariano non posso, ahimè, condividere le cataste di bollito fumante che vorreste offrirmi. Intanto, continueremo insieme a dare la caccia alle placche ossee di storione, al momento alquanto elusive.

Vorrei menzionare tutti, uno per uno, i pilastresi che, giorno dopo giorno, ci hanno aiutato nelle operazioni, ci hanno offerto un caffè, o semplicemente ci sono venuti a trovare, raccontandoci le loro storie e dimostrando di amare la loro terra: dato che siete tanti, per fortuna, nomino le associazioni, di cui siete ricchi: in primis la Polisportiva Pilastri, che ci lascia sempre con grande disponibilità tutti i locali di scuola e palestra; il Centro Sociale Mosti per il “kit cucina”; don Roberto e la Parrocchia, per lo spazio a noi riservato sul giornalino paesano; la Cooperativa Arte e Spettacolo, per il sostegno materiale; tutte le aziende sponsors che hanno scelto di comparire sul volantino dello scavo, dandoci un contributo fondamentale; e, last but not least, grazie a Giuseppe Papi e ai sigg.ri Sciarretta e Reggiani, affittuari e proprietari dei terreni dove scaviamo, perché sanno l’importanza di ciò che la loro terra custodisce.

Un saluto e un altro sincero ringraziamento vanno a Jacopo Bonetto, Direttore del Dipartimento dei Beni Culturali dell’Università di Padova, ora ufficialmente coinvolta a pieno titolo nella conduzione dello scavo, a Michele Cupitò e agli altri miei colleghi di Dipartimento, docenti e non, sempre disponibili a dare una mano e a contribuire scientificamente.

Ci tengo a sottolineare il contributo essenziale della Società Cooperativa PETRA di Padova. Paolo Michelini e Alberto Balasso sono tra gli scavatori più fini ed eticamente responsabili che abbia mai incontrato, e la loro costante presenza sul nostro difficile scavo (come ebbe già a notare Giovanni Leonardi) garantisce al progetto quella valenza pienamente didattica e di alta formazione che pochi altri scavi hanno. E a tutte le ragazze e ai ragazzi che hanno materialmente messo in piedi e continuano a sviluppare in mille modi il progetto di scavo, documentazione e divulgazione (dai membri dell’Associazione Bondeno Cultura, del Gruppo Archeologico di Bondeno e del workgroup Culture Keys, agli studenti di archeologia delle Università di Padova, Ferrara, Bologna e Venezia, come ai volontari che against all odds usano le loro vacanze dal lavoro per impolverarsi con noi): per me siete la parte migliore dell’Italia, avete tutta la mia gratitudine per tutto quanto stiamo scoprendo insieme e sto imparando a Pilastri.
È cominciata l’attesa per rivederci a Settembre 2018…

Massimo Vidale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *